Miraggi

È un’immagine sfocata, un’allucinazione a testa in giù, quella che apre il nuovo film di John Curran – Tracks – e che lo rappresenta fin da subito. Una perdita di confini, esteriori ed interiori, dipinta a mo’ di impressionismo su di una tavolozza color polvere, sabbia e deserto.

Tratto dal best-seller autobiografico del 1980 pubblicato da Robyn Davidson, l’omonimo lungometraggio di Curran porta sul grande schermo il viaggio di ben 2700 chilometri compiuto dalla ragazza, da Alice Springs fino alla costa dell’Oceano Indiano. Si comincia dal lungo e difficile lavoro di addomesticamento dei cammelli selvaggi che l’accompagneranno nella sua traversata del deserto australiano, insieme al fedelissimo cane Diggity. Tra frustrazione e promesse non mantenute, mesi di lavoro non retribuito se non attraverso l’insegnamento di come domare i cammelli, Robyn fortifica anima e corpo, a suon di calli, sudore e solitudine. Poi la partenza, dopo aver a malavoglia accettato, in cambio di un necessario aiuto finanziario, di farsi fotografare in alcuni momenti del suo viaggio dal reporter del National Geographic, Rick Smolan (Adam Driver).

Con i colori di una terra che brucia – letteralmente e metaforicamente – sotto i piedi della ragazza e l’occhio della telecamera, che si spalanca sulle distese sconfinate dell’amata (e acquisita) patria di Curran, inizia il viaggio della splendida e determinata avventuriera, magistralmente interpretata da Mia Wasikowska. La sua esile figura insieme solida ed evanescente e i suoi gesti precisi, che intrecciano determinazione e dolcezza, ammaliano lo spettatore, che rimbalza tra i rari sorrisi sornioni e lo sguardo fisso alla meta (sempre che esista davvero una meta) della giovane fanciulla.

A livello di narrazione non accade molto: i giorni si susseguono al ritmo della marcia della protagonista e dei suoi aiutanti a quattro zampe, sotto il sole cocente del deserto. A spezzare il cammino e rendere un po’ più psicologico il profilo della giovane, le incursioni del fotografo, che sottolineano ulteriormente il desiderio di solitudine della ragazza. Desiderio che si mischia alla paura, al difficoltoso rapporto con un’alterità che non sia animale (salvo l’anziano Eddy che la accompagna per un tratto, ma che, comunque, non parla la sua lingua), alla smania di compiere un viaggio che sembra strisciare sul confine con la fuga. Fuga, forse, da un passato troppo pesante che aleggia sulla vita e sulle emozioni di Robyn come un fantasma non ancora sconfitto e che la mano registica di Curran ci mostra attraverso dei flashback dai confini sfumati. Mezzo, questo, che tuttavia appare un po’ come una strategia per sorvolare su di un’indagine psicologica della ragazza, lasciando parlare soltanto queste poche immagini, che compaiono qua e là come vecchi ricordi d’infanzia. Come per riempire visivamente un vaso che avrebbe decisamente bisogno di ben più attenzioni. Altra pecca da eccessivo riempimento è la musica: non c’è praticamente alcun istante del film che non sia accompagnato da un suono di sottofondo. Il grande escluso – che in un film ambientato nel deserto non potrebbe né dovrebbe mancare! – è il silenzio.

La smania di Curran di riempire, a livello di visione e di suoni, ogni istante della pellicola, senza mai lasciarla dilatare, senza concedere una dimensione spazio-temporale per respirare polvere e mangiare sabbia in assoluto silenzio, è forse il miglior esempio di ciò che deve avere spinto Robyn a compiere il suo viaggio. La vera Robyn, forse, sarebbe scappata da questo film come dai suoni e dalle voci roboanti del mondo cosiddetto civilizzato. Sarebbe fuggita into the wild, dove i tempi e gli spazi sono dilatati per davvero, dove l’abile mano di Sean Penn ha saputo svuotare la pellicola da fronzoli inutili, lasciandoci liberi di ascoltare e masticare il disagio di Emile Hirsch.

Nonostante la perfetta interpretazione di Mia Wasikowska, la pellicola di Curran risulta troppo piena e troppo veloce perché si riesca davvero ad assaporare la lentezza, l’isolamento e il vuoto che deve aver provato la protagonista di questo viaggio. Nemmeno quando, alla fine, la ragazza giunge finalmente alla meta si avverte, nel suo tuffo nell’Oceano, un senso di vittoria o di liberazione. Forse, se al silenzio di un processo di riappropriazione di sé da uno stato di desertificazione interiore com’era (o intuiamo che doveva essere) quello di Robyn, fosse stato dato più spazio, l’eco del suono di quel tuffo finale starebbe ancora rimbombando nelle orecchie degli spettatori.

Titolo originale: Tracks
Regia: John Curran
Cast: Mia Wasikowska, Adam Driver, Emma Booth, Rainer Bock, Jessica Tovey, Tim Rogers, Robert Coleby, Melanie Zanetti
Sceneggiatura: Marion Nelson
Fotografia: Mandy Walker
Montaggio: Alexandre de Franceschi
Produzione: See-Saw Films
Distribuzione: Bim
Paese: Australia
Genere: biografico
Durata: 112’

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.