La spia, il genio, il piccione

Nelle sale a Natale, Spie sotto copertura mette l’animazione al servizio di un’azione divertente e spensierata. Pur nella prevedibilità delle svolte narrative, strizza l’occhio al pubblico adulto e veicola la sempreverde morale dell’amicizia e della possibilità di un mondo differente.

Lance Sterling è una spia esperta, efficiente e sfacciatamente teatrale. Ha risolto dozzine di situazioni critiche puntando esclusivamente sulle proprie capacità: il suo motto è fare squadra solo con se stesso.
Durante la sua ultima missione recupera il prototipo di un drone militare dalle grinfie di Killian, un terrorista dotato di un braccio meccanico. Qualcosa va storto e Lance viene incastrato da un falso video di sorveglianza che dimostrerebbe il suo doppiogiochismo.
Braccato, si rivolge al giovane Walter Beckett, un genio della tecnologia appena licenziato dall’agenzia per il suo desiderio di salvare le persone piuttosto che ucciderle. Walter, infatti, avrebbe inventato il prototipo di un travestimento biodinamico in grado di nascondere Sterling sotto copertura.
Così la strana coppia si ritrova a dover inseguire Killian in giro per il mondo, scappare dalle spie statunitensi e dimostrare l’innocenza di Lance.

Spie sotto copertura, che si ispira liberamente al corto Pigeon: Impossible girato nel 2009 da Lucas Martell, non ha molto da invidiare al panorama dell’action leggero che tanto ha preso piede nell’ultimo decennio. Non inventa né intende essere un rivoluzionario apripista, ma ha ben presenti tutti gli ingredienti da gettare nel calderone e conosce la ricetta e i dosaggi.
Bastano pochi minuti per abituarsi a un character design che tratteggia esseri umani slanciati e spigolosi in contrapposizione a pennuti (che avranno una componente determinante nell’evoluzione della vicenda) pieni e tondeggianti. Il comparto tecnico Fox lavora a pieno regime al fine di amalgamare atmosfere narrative che rimandano a un cinema dal gusto vagamente retro con un’ambientazione moderna che fa del gingillo tecnologico una delle principali ragion d’essere. Missione non impossibile, ma portata a termine puntando su fondali ricchi, animazione fluida e cura maniacale del dettaglio che controbilancino un immaginario comunque derivativo.
Nick Bruno e Troy Quane, al debutto alla regia ma che avevano lavorato insieme (seppur rispettivamente come animatore e storyboard artist) già ne L’era glaciale – In rotta di Collisione e in Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts, assecondano la vena scorretta della sceneggiatura e puntano ad abbracciare i gusti dello spettatore adolescente e di quello adulto. Il risultato è un’inattesa dose di umorismo ruvido in salsa slapstick, condita da citazioni e riferimenti alla cultura pop che riescono a strappare sorrisi e risate.
Sebbene il susseguirsi delle vicende aggiunga poco al classico canovaccio di genere e l’evoluzione di personaggi e situazioni sia prevedibile fin dalle prime battute, la pellicola ha il pregio di esaltare entrambe le facce della medaglia: la sagacia di Lance e la genialità di Walter sono elementi che si completano a vicenda, che non potrebbero dare il massimo se non in un’oleata squadra di muscoli e cervello.
Spie sotto copertura, che in lingua originale si fregia delle voci di Will Smith, Tom Holland, Rashida Jones e Ben Mendelsohn, è divertente, fresco e farcito d’azione e buoni sentimenti. Insegna che un mondo differente è possibile e che essere considerati strambi dalla società (o dal compagno di banco a scuola) non è un difetto di cui vergognarsi. Adatto a grandi e piccini, gli si perdonano piccoli difetti ed è un’ottima opzione per un Natale in famiglia da trascorrere al cinema.

Titolo originale: Spies in disguise
Nazionalità: Stati Uniti d’America
Anno: 2019
Genere: Animazione
Durata: 102′
Regia
: Nick Bruno, Troy Quane
Sceneggiatura: Brad Copeland, Lloyd Taylor
Character Design: Bobby Pontillas, José Manuel Fernandes Oli
Storyboard: Ian Abando, Lubomir Arsov, Myke Bakich
Cast Originale: Will Smith, Tom Holland, Rashida Jones, Ben Mendelsohn, Karen Gillian, Masi Oka, DJ Khaled
Produzione
: Blue Sky Studios, 20th Century Fox Animation, Chernin Entertainment
Distribuzione
: 20th Century Fox
Colonna Sonora: Theodore Shapiro

Nelle sale italiane da giorno 25 Dicembre 2019

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.