Il protagonista, Johnny Marco (Stephen Dorff), è un celebre attore cinematografico che si concede una vita di eccessi e lussi, vivendo nel leggendario hotel Chateau Marmont a Hollywood. L’irruzione nella sua stanza della figlia undicenne Cleo (Elle Fanning), lo costringerà a fronteggiare le proprie responsabilità e uscire dal mondo artificiale nel quale si è nascosto…

Sofia Coppola non è Francis Ford, anche se nelle vene scorre lo stesso sangue. Non è Francis Ford perché non sforna capolavori indimenticabili, ma neanche film da buttare. Anzi.

La pellicola in questione, Somewhere, presentato (e vincitore del Leone D’Oro per il Miglio Film) alla 67°Mostra del Cinema di Venezia , è un film indubbiamente interessante e ricco di spunti. Certo la domanda che ci si pone prima del film è: avrà meritato davvero questo riconoscimento? Cosa avrà spinto Quentin Tarantino, presidente della giuria, ad assegnarglielo?

Dalla prima sequenza ci rendiamo conto che non si tratta di un film comune, con un’inquadratura fissa nel vuoto mentre una Ferrari nera gira attorno ad un circuito ad anello (campo e fuori campo), finché dopo la frenata scende lui: Johnny Marco.

Come in una pubblicità.

Immediatamente viene presentata la sua vita di attore famoso, fatta di eccessi, vizi, sesso e… noia, al punto di addormentarsi durante uno dei suoi rapporti occasionali. Dalle inquadrature, magistrali, e dall’assoluta assenza di dialoghi nella prima parte del film capiamo quanto in realtà Johnny sia profondamente solo.

Due sequenze in particolare sono esemplificative: il movimento di macchina che accompagna l’assenza di risposte e il disagio esistenziale durante la conferenza stampa e l’assoluto silenzio, unito all’avvicinamento dell’obiettivo, nel camerino mentre il gesso della maschera si solidifica sul volto di Johnny.

L’unico raggio di sole in questa vita di luci artificiali è la figlia Cleo: presentata in una bellissima sequenza di pattinaggio artistico su ghiaccio, poco seguita da un padre (‘Da quando pattini sul ghiaccio?’ ‘Saranno almeno 3 anni’)che a modo suo cerca di volerle comunque bene. Cleo raggio di sole, Cleo uragano nella vita di Marco, che di punto in bianco, dopo uno dei suoi rendez-vous sessuali apprende dalla sua ex moglie che dovrà passare 10 giorni a stretto contatto con la figlia. 10 giorni che cambieranno per sempre la sua vita.

Ciò che colpisce al primo sguardo è come una pellicola dai ritmi così lenti e da tempi lunghi di silenzio, possa scorrere così velocemente senza annoiare. Sofia Coppola ci presenta, anche in maniera grottesca e cinica, il mondo fittizio (ma purtroppo reale) dello star system: i vizi, attori che si insultano dopo i sorrisi delle foto di cast, il massaggiatore privato in camera, l’intervistatrice oca (interpretata dalla ‘nostra’ Giorgia Surina) che pone domande superficiali.

Tutto questo mescolato da un sapiente uso della macchina da presa, con una predilezione per il particolare ed il movimento lento, gli zoom e i carrelli, che sanno dare perfettamente un senso di tranquillità o di angoscia, a seconda della situazione.

Stando in tema puramente tecnico, molte inquadrature sono tarantiniane, non nei contenuti, nella forma: l’attenzione ai particolari, la voglia di mostrare la pop culture (Friends, Wii Sports, Guitar Hero, Twilight, la musica folk e l’evento mondano italiano ‘I Telegatti’, pessima immagine della televisione italiana presentata da Ventura, Frassica e Marini di cui potevamo fare decisamente a meno).

Forse questo ha colpito Quentin? Non lo possiamo sapere.

Quello che è certo è che il film si lascia guardare e a livello di regia pura offre uno spettacolo degno d’essere visto. Dopotutto non sarà Francis Ford e ai suoi livelli è difficile che arrivi, ma buon sangue non mente.

Titolo originale: Somewhere
Anno: 2010
Genere: Drammatico
Durata: 98′
Regista: Sofia Coppola
Soggetto: Sofia Coppola
Sceneggiatura: Sofia Coppola
Scenografia: Anne Ross
Fotografia: Harris Savides
Montaggio: Sarah Flack
Musica: Phoenix
Produttore: G. Mac Brown, Roman Coppola, Sofia Coppola
Distribuzione: Medusa Film
Attori: Stephen Dorff, Elle Fanning, Chris Pontius, Michelle Monaghan, Laura Ramsey, Robert Schwartzman, Caitlin Keats, Jo Champa, Laura Chiatti, Simona Ventura, Lala Sloatman, Amanda Anka, Erin Wasson, Alexandra Williams, Nathalie Fay, Kristina Shannon, Karissa Shannon, Silvia Bizio, Damian Delgado, Giorgia Surina

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.