Rac-corti

Il “nuovo horror italiano” reinterpreta otto storie del maestro Edgard Allan Poe. Nelle sale del circuito di Distribuzione Indipendente dal 7 giugno e dal 14 giugno su OWN AIR in versione integrale. La censura però lo vieta ai minori di anni 18.

Il maestro indiscusso della letteratura horror, Edgar Allan Poe, rivive al cinema grazie a un gruppo di giovani e talentuosi registi del panorama indipendente italiano (dieci per l’esattezza), pronti a trasferire sullo schermo le ancestrali e più archetipiche paure dell’uomo. Un lavoro corale – sebbene composto da stili e approcci diversi – atto a reinterpretare, sviscerare e riscrivere la suggestiva poetica di un autore che ha popolato sogni e incubi di intere generazioni, ispirato e influenzato romanzieri, pittori, musicisti e perfino linee di gioielli.
Quella forma antologica spesso prediletta per celebrare su grande o piccolo schermo le visioni del grande scrittore delinea qui una vetrina di stili e sensibilità per forza di cose eterogenea: selezionando i titoli meno strettamente narrativi oppure giocando di sottrazione all’interno dei meccanismi delle storie, gli autori vedono bene nella scelta di comunicare più la suggestione della pagina scritta che la precisione dei suoi dettagli.
P.O.E. – Poetry of Eerie è uscito negli Stati Uniti in edizione home video per Elite Entertainment e in Italia vedrà luce dal 7 giugno presso le sale del Circuito di Distribuzione Indipendente.
Domiziano Cristopharo, portavoce e co-autore del progetto P.O.E. – Poetry of Eerie, afferma di essere davvero entusiasta di due piccoli grandi successi: «Un film corale, indipendente e italiano, non solo si è rivelato precursore di tanti film a episodi che stanno spopolando oltreoceano, ma è anche diventato realtà. Viviamo in un periodo storico veramente difficile per la creatività, in cui prevale un individualismo delirante e castrante, quindi il fatto di aver portato a termine, in comunione con altre teste, un progetto di questo tipo, è a dir poco miracoloso. Il secondo successo è l’uscita in sala».
Grazie a Distribuzione Indipendente, infatti, fondata nel giugno 2011 con lo scopo di rilanciare una cinematografia “altra”, creativa e vitale (molto spesso sconosciuta al pubblico), sarà possibile vedere gli otto dei tredici episodi che compongono il film. Sono 23 le sale “affiliate” al progetto all’attivo dislocate in quasi tutte le regioni italiane che includono nei rispettivi calendari tutti i film del catalogo di cui il presidente Giovanni Costantino affiancato da Alessandra Sciamanna e Daniele Slipo, vanno fieri.
Silenzio di Angelo e Giuseppe Capasso, La Sfinge di Alessandro Giordani, Valdemar di Edo Tagliavini, Gordon Pym di Giovanni Pianigiani e Bruno Di Marcello, Il gatto nero di Paolo Gaudio, che utilizza la tecnica del Clymation per ispirarsi a uno dei più conosciuti e apprezzati racconti di Poe, L’uomo della folla di Paolo Fazzini, Il giocatore di scacchi di Maelzel di Domiziano Cristopharo e Canto di Yumiko Sakura Itou, sono gli otto corti di questo progetto collettivo a budget ristretto, ma ricco di idee, che trova la sua coralità nella comune ispirazione al mondo letterario di Edgar Allan Poe e che, inspiegabilmente, è stato vietato dalla censura ai minori di 18 anni. Un divieto che non permetterà ai più giovani di incontrare un linguaggio particolare, rivolto proprio a loro, che al cinema sono abituati a vedere scene oltremodo più violente, qui appena accennate in qualche sequenza, ma non così forti da escluderne la visione. Un bastone messo tra le ruote di una delle arti più libere, a prescindere dal senso e dalla lettura che si vuole dare. E questa sì è proprio una notizia da paura.

Titolo: P.O.E. – Poetry of Eerie
Registi: Domiziano Cristopharo, Giovanni Pianigiani e Bruno di Marcello, Paolo Gaudio, Alessandro Giordani, Paolo Fazzini, Angelo & Giuseppe Capasso, Edo Tagliavini, Yumiko Sakura Itou
Attori principali: Luca Canonici, Angelo Campus, Laura Gigante, Mariano Aprea, Marco Borromei, Gianluca Russo, Lorenzo Semorile, Dario Biancone, Sara Cennamo, Alessandro Garavini, Gerardo Lamattina
Paese: Italia
Distribuzione: Distribuzione Indipendente
Anno: 2011
Durata: 80′
Genere: Horror

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.