Mar d’amor

Al cinema dal 27 novembre Mio papà, il nuovo film diretto da Giulio Base con Giorgio Pasotti, Donatella Finocchiaro e il piccolo Niccolò Calvagna. Una storia emozionante in cui molti padri “adottivi” possono ritrovarsi.

Presentato fuori concorso nella sezione Alice nella città al Festival Internazionale del Film di Roma, Mio papà arriva dal 27 novembre nelle sale italiane, distribuito in 80 copie, pronto a farsi spazio con il suo titolo d’impatto tra le pellicole natalizie. Giulio Base dirige Giorgio Pasotti con delicatezza; regista e attore, dopo un’idea nata durante una conversazione, hanno scritto insieme soggetto e sceneggiatura realizzando un piccolo grande film che parla d’amore in senso assoluto. Il personaggio di Lorenzo ci viene presentato in pochi minuti e subito si ha l’idea di essere di fronte a un uomo che sa quello che vuole dalla vita, che ama la libertà quanto il suo lavoro. Egli «aggiusta il mare» e quando torna sulla terraferma si circonda di belle donne, fin quando una sera in compagnia del suo amico e collega Roberto (Sergio Troiano), incontra Claudia (Donatella Finocchiaro) e dopo un bacio nato per gioco, passa la notte in sua compagnia. A casa della donna, la mattina seguente, scopre che Claudia non è sola, con lei vive Matteo (Niccolò Calvagna), il figlio di sei anni, che renderà molto difficile il loro rapporto di coppia.

Amare figli “non propri”, cioè cresciuti da padri non biologici, accomuna oggi molti uomini e la legge purtroppo spesso non è dalla parte di chi sa accudirli con devozione, ma da quella di un genitore spesso assente come nel film. Per questo Base ha deciso di non dare un volto al padre naturale di Matteo, ma di mostrare questa figura solo in lontananza in determinate scene per accentuarne il contrasto. Entrambi i protagonisti, Pasotti e Finocchiaro, sono molto misurati nei loro ruoli, in parte e fondamentali anche Troiano, Ninetto Davoli ed Emanuela Rossi, che rappresentano per certi versi la cornice di questa toccante storia che appassiona, senza mai scivolare nel patetico e che offre diversi spunti di riflessione.

Mio papà giunge dunque al cuore come un’onda, in un sussulto di emozioni che riportano a galla il bel cinema neorealista di un tempo dove si fa largo la contemporaneità dei sentimenti.

Titolo: Mio papà
Regia: Giulio Base
Soggetto: Giorgio Pasotti, Alessandro Pondi, Paolo Logli, Mauro, Graiani, Riccardo Irrera
Sceneggiatura: Giulio Base, Giorgio Pasotti, Alessandro Pondi, Paolo Logli, Mauro, Graiani, Riccardo Irrera
Attori principali: Giorgio Pasotti, Donatella Finocchiaro, Niccolò Calvagna, Fabio Troiano, Ninetto Davoli, Emanuela Rossi
Musiche: Pietro Freddi
Fotografia: Fabio Zamarion
Montaggio: Massimo Quaglia
Scenografia: Walter Caprara
Costumi: Laura Costantini
Distribuzione: Bea Production Company
Produzione:
Movie and con Rai Cinema
Paese:
Italia
Durata:
92′
Uscita prevista in Italia:
27 novembre 2014

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.