Busto Arsizio Film Festival XV

Busto Arsizio Film Festival XV

Busto Arsizio Film Festival XV, articolo di "Edoardo Ribaldone" su Persinsala
sabato , 19 Ottobre 2019
Home | Festival | Busto Arsizio Film Festival | Busto Arsizio Film Festival XV

Busto Arsizio Film Festival XV
Recensioni/Articoli di

Il cinema nell’accezione più ampia: il programma della manifestazione bustocca abbraccia tutte le forme del racconto audiovisivo, senza preclusioni di sorta, e sceglie quale campo d’osservazione privilegiato il nostro paese. È stata presentata al cinema San Carlo di Milano, dal direttore artistico Steve Della Casa e da Veronica Pivetti, la quindicesima edizione del Busto Arsizio …

Uno sguardo sull’Italia

Il cinema nell’accezione più ampia: il programma della manifestazione bustocca abbraccia tutte le forme del racconto audiovisivo, senza preclusioni di sorta, e sceglie quale campo d’osservazione privilegiato il nostro paese.

È stata presentata al cinema San Carlo di Milano, dal direttore artistico Steve Della Casa e da Veronica Pivetti, la quindicesima edizione del Busto Arsizio Film Festival, che verrà aperta da Carlo Verdone il 18 marzo e si concluderà 25. Suddiviso in nove sezioni, il festival si propone come sempre di mettere in risalto la produzione audiovisiva italiana, non soltanto cinematografica, e di avvicinare il pubblico (con attenzione particolare agli spettatori più giovani e agli studenti) al mondo del cinema,  attraverso l’incontro con le maggiori personalità che operano in questo campo, italiane e straniere. A cinquant’anni dalla morte, non poteva mancare un Omaggio a Totò, massimo esponente di un genere, la commedia, che ha avuto nel nostro paese uno sviluppo tale da dar vita ad vero e proprio sottogenere come la commedia all’italiana. Ma Totò lungo la sua carriera poté collaborare anche con registi che ben pochi legami avevano con questa tradizione, come ad esempio Rossellini (nella Macchina ammazzacattivi) e Pasolini (Uccellacci e uccellini e Che cosa sono le nuvole?). La sezione Made in Italy accosta il cinema narrativo al documentario, al film a cortometraggio, alle serie televisive, a quelle girate per la rete fino alle installazioni audiovisive e al cinema d’animazione. Tale accostamento mira a superare le distinzioni fra le differenti modalità di rappresentare e raccontare attraverso le immagini animate. La sezione Made in ItalyScuole propone sei film italiani recenti incentrati sul tema della giovinezza e dei rapporti familiari: Come diventare grandi nonostante i genitori di Luca Lucini; Indivisibili di Edoardo De Angelis; Piuma di Roan Johnson; Questi giorni di Giuseppe Piccioni; Un bacio di Ivan Cotroneo; e, in anteprima, Slam- Tutto per una ragazza di Andrea Molaioli. La sezione Gli eroi della carta stampata propone un omaggio alle personalità di rilievo del giornalismo e della critica cinematografica, che coi loro scritti hanno animato il dibattito culturale italiano sul cinema. Nella sezione BAAF in libreria vengono presentati saggi, monografie e manuali dedicati al cinema. Effetto Cinema è la sezione del festival che racconta il lavoro del cinema, che cosa significhi concretamente fare cinema; attraverso documentari, interviste e «dietro le quinte», si vuole raccontare la genesi e lo sviluppo dell’opera cinematografia, dall’ideazione alla realizzazione, e analizzare l’apporto dei vari protagonisti che concorrono alla sua riuscita, privilegiando anche qui la cinematografia nostrana. Le giornate del cinema d’animazione, forti dell’attenzione da sempre riservata a questo cinema dalla città di Busto, indagano le peculiarità di questa forma espressiva, senza rinunciare all’esplorazione di altri linguaggi come  la realtà virtuale e l’animazione digitale. Arricchisce il programma la presenza di autori importanti come Bruno Bozzetto (autore di uno dei più riusciti esempi di film d’animazione, non solo italiano, come Allegro non troppo),  Raoul Servais, Signe Baumane e Fusako Yusaki. Il Baff Off porta poi il festival in diversi luoghi della città e nel confinante comune di Legnano per avvicinare la manifestazione ai cittadini e ai turisti, in primis milanesi. La sezione Masterclass, infine, propone lezioni e incontri con professionisti del cinema (specialmente attori), che raccontano del loro rapporto coi film, sia quelli in cui hanno lavorato, sia quelli che invece avrebbero voluto interpretare. Anche quest’anno, dunque, non ci resta che guardare.

B. A. Film Festival
Sguardi e punti di vista sul cinema italiano
dal 18 al 25 marzo
Corso Magenta 70, Busto Arsizio (VA)

Le sedi del Baff Off:

Millenote
via Antonio Pozzi 5, Busto Arsizio

Circolo Gagarin
via Galvani 2 bis, Busto Arsizio

Circolone
via san Bernardino 12, Legnano (MI)

Lascia un commento