E finalmente è BIG!

S’era fatto vedere appena, il 2015, con una prima edizione cult, e fino ad oggi, sortite in appuntamenti diversi. Il Bari International Gender Film Festival, al via la prima edizione dopo un’anteprima con William Dafoe e Giada Colagrande.

Dal 24 al 30 settembre a Bari, trenta proiezioni tra lungometraggi, corti e documentari, tre registi ospiti internazionali, artisti e registi under 35, sette performance di danza e teatro. Tre spazi dedicati alla musica e i “Dialoghi”, incontri sui linguaggi visuali, il teatro, il cinema e diversi sguardi disciplinari organizzati dal Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione e dall’Archivio di Genere dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Promosso e organizzato dalla Cooperativa AL.I.C.E (Area Arti Espressive), realizzato con il sostegno di Regione Puglia e MiBact-SIAE (nell’ambito dell’iniziativa «S’Illumina – Copia privata per i giovani, per la cultura»). Direzione artistica di Tita Tummillo e Miki Gorizia.

Riflessione e sensibilizzazione sulle tematiche del genere, dell’identità e dell’orientamento sessuale, intesi come processi e possibilità in divenire. È un festival che intende farsi link tra cinema, musica, performance, intrattenimento culturale, attraverso una rete accademica, artistica e sociale, eterogenea, multipla e differente, divenendo così spazio di confronto internazionale e radicamento territoriale. Il BIG trova la sua origine a partire dal substrato teorico degli studi sulla diversità di genere – i Gender Studies – che dagli anni 70 interessano sempre più gli ambiti accademici a livello interdisciplinare. Il presupposto, largamente condiviso dalla comunità scientifica e culturale, è che i concetti di mascolinità e femminilità siano relativi e che il rapporto fra sesso e genere varia a seconda delle aree geografiche, dei periodi storici, delle culture di appartenenza.

La complessità del tema rimanda a tutta una serie di concetti chiave (i diritti fondamentali dell’uomo, la convivenza delle differenze, il rapporto con l’altro da me) e richiede strategie comunicative ad hoc, superando cliché e resistenze legate alla mancanza di una corretta informazione e di un sano dibattito. La potenza del cinema può costituire un medium privilegiato per attivare questo processo di consapevolezza: apre alle visioni, interroga il presente ed “educa” attraverso la Bellezza. Il Bari International Gender Film Festival intende così contribuire alla sensibilizzazione politica e culturale nel panorama regionale e nazionale, e avere un profondo ruolo sociale nella costruzione e diffusione di una cultura di rispetto verso tutte le diversità di genere presenti sul territorio pugliese – gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, metrosexual -, consolidando quell’attitudine all’ospitalità e all’accoglienza tipica di un paese mediterraneo.
Dopo la straordinaria anteprima speciale, tenutasi all’Anche Cinema di Bari lo scorso 10 settembre con ospiti Willem Dafoe e Giada Colagrande, con la proiezione del film Padre, il programma del Bari International Gender Film Festival, da lunedì 24 a giovedì 27 settembre, sarà contraddistinto da una serie di appuntamenti artistici, tra teatro, danza, performance e musica.

Il programma:

Lunedì 24, dalle 21.00, a Prinz Zaum (via Cardassi 93), Iula Marzulli e Maria Luisa Capurso (video installazione, performance voce, corpo e suono), in un lavoro condiviso.

Martedì 25, dopo le proiezioni mattutine a Palazzo Chiaia Napolitano, spazio ai “Dialoghi” sul BIG all’Ex Palazzo delle Poste (dalle 15.00 alle 19.30), il cui tema sarà 1968-2018: Dalla rivoluzione sessuale alle identità di genere. Il seminario è organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione e dall’Archivio di Genere dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. In serata, dalle 20.30 l’appuntamento è a Zona Franka (via Dalmazia 35) con le performance di Sergio Recanati e Amalia Franco.

Mercoledì 26, alle 19.30, nello spazio dell’associazione Mixed LGBTI (Via Abbrescia 13) sarà presentato il libro L’aurora delle trans cattive di Porpora Marcasciano, mentre alle 21,30 in Spazio 13 (via de Cristoforis 8) andrà in scena la pièce teatrale Il fiore del mio Genet di Andrea Cramarossa, con Domenico Piscopo e Federico Gobbi.

Giovedì 27 alle 19.30 nella libreria Prinz Zaum presentazione del libro di Francesca Brancati E se restassi? (organizzata da Arcigay Bari), mentre alle 21.30, nello spazio della Ciclatera sotto il Mare (via Venezia 16), sarà la volta del Free Walking Trio Quartet con il concerto Mind Our Business.

Venerdì 28, tra le tante proiezioni di film albanesi, tedeschi, italiani, portoghesi, brasiliani e francesi, sarà ospite uno dei migliori talenti del cinema danese dell’ultima generazione: Mette Carla Albrecthsen. Presenterà il corto Vanilla (2013) e il lungometraggio Venus (2016). Nel corso della giornata si terrà anche la performance You I… I… Everything else, di e con Mariella Di battista e Giovanni Longo. Da segnalare anche la performance Dita di miele di Alessandra Gaeta, alle 20.15. Guest artist del giorno l’attrice Isabella Careccia.

Sabato 29, alle 10.30 sarà proiettato Heartstone di Guðmundur Arnar Guðmundsson (Queer Lion Festival Internazionale del Cinema di Venezia 2016); alle 16.00, un mediometraggio di Albrechtsen, XY Anatomy of a boy. Toccherà poi al film tunisino Upon the shadow (2017) di Nada Mezni Hafaiedh, e all’israeliano Barash (2016) di Michal Vinik. Alle 20.20 andrà in scena la performance Today is perfect di Ezio Schiavulli. Guest artist Francesco De Nicolo.

Ospite della giornata sarà il regista tedesco Jan Soldat – presentato dal critico cinematografico Luigi Abiusi – in collaborazione con il Goethe Institute di Napoli. In proiezione, dalle 20.20, i suoi film Prison System (2015) e Happy Happy Baby (2017). Dalle 22.15 in poi toccherà al film svedese Mom’s on fire (2016) di Joanna Rytel (Teddy Award Best Shortfilm Berlinale 2016) e al brasiliano Tinta Bruta (2018) di Felipe Matzembacher e Marcio Reolon.

Domenica 30 sarà ospite dell’ultima giornata del BIG la regista kosovara Blerta Zeqiri, introdotta dal giornalista Livio Costarella: in proiezione due film molto intensi, come Home (2016) e The Wedding (2017). Il film della mattina sarà il danese Fassbinder: to love without demands (2015) di Christian Braad Thomsen, mentre dalle 16.00 spazio a numerosi altri film, provenienti da Belgio, Italia, Albania, Germania, Brasile e Francia. Guest artist Eleonora Magnifico.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.