Sembra quasi che dopo The Expendables e The Expendables II i protagonisti abbiano trovato nuova linfa vitale per rigettarsi sul grande schermo, per dare vita ancora una volta a quei film d’azione che li hanno resi celebrità.

È il turno di Arnold Schwarzenegger, l’ex governatore della California che torna nelle sale con The Last Stand – L’ultima sfida.

Lo Sceriffo Ray Owens (Arnold Schwarzenegger) sembra finalmente potersi godere la sua giornata libera in una piccola cittadina della California, quando a Las Vegas un famoso narcotrafficante scappa verso il Messico, e sul percorso c’è proprio la cittadina di Owens. Toccherà a lui, e ai suoi aiutanti dilettanti, aiutare l’FBI in questa operazione apparentemente folle…
L’ultima sfida, chissà se in ordine cronologico o se va inteso come l’addio di Schwarzenegger dalle sale cinematografiche. Quello che è certo è che l’esordio di Kim Ji-Woon nel cinema statunitense, dopo essere divenuto famoso in Sud Corea per Il Buono, il Matto e il Cattivo, western coreano, non è affatto da buttare via, anzi. Va considerato innanzitutto che si tratta di un blockbuster, un film fatto su misura per chi desidera azione, sparatorie, scazzottate ed esplosioni esagerate. C’è tutto questo, ma anche di più, infatti sembra quasi una sorta di spin-off di The Expendables contando come le battute di Schwarzenegger facciano spesso riferimento alla sua età e al fatto che non si senta comunque un pezzo da museo, nonostante tutto. È un film che di fatto riesce in pieno nel suo obiettivo: divertire, senza cercare per forza di essere un capolavoro (che infatti non è) ma con la consapevolezza di voler tentare almeno una regia sopra le righe, a tratti anche notevole e parecchio apprezzabile, con un ritmo incalzante e che cerchi sempre di mantenere alta la tensione, a tratti esagerando nei toni, esasperandoli, in maniera autoironica anche, non prendendosi sul serio, e generando anche le genuine risate che merita. Certo, si ride davvero parecchio, soprattutto nel travolgente finale in cui Schwarzenegger riporta alla luce tutto il suo repertorio di action movie, con tanto di frasi ad effetto e colpi proibiti, nonostante si noti come il fisico non sia più quello di una volta. Ma non importa, la pellicola è perfetta per ciò che è, e chi la vede ottiene tutto ciò che si aspetta, con quella qualità superiore che permette di passare da un filmaccio di serie Z ad un film d’azione che voglia essere un divertissement, un viaggio folle in una terra lontana in cui chi spara prima ha ragione e dove anche i gregari e non solo i protagonisti riescono ad essere una fonte di spassoso intrattenimento, nel senso più lato del termine. Chi cerca una trama forte o con intenti alti può anche evitare di approcciarsi a The Last Stand, ma chi volesse solo distrarsi con tanti spari, armi enormi e sequenze esagerate allora sarà accontentato. In pieno.

Titolo: The last stand – L’ultima sfida
Regista: Kim Ji-Woon
Attori principali: Arnold Schwarzenegger, Forest Whitaker, Peter Stormare, Eduardo Noriega, Luis Guzman, Jaimie Alexander, Johnny Knoxville, Rodrigo Santoro, Zach Gilford, Génesis Rodriguez
Genere: Azione
Durata: 107min
Anno: 2013
Produttore: Lorenzo Di Bonaventura
Produttore esecutivo: Guy Riedel, Miky Lee, Michael Pseornek, Edward Fee
Casa di produzione: Di Bonventura Pictures
Distribuzione: Universal Pictures
Fotografia: Kim Ji-Yong
Musiche: Mowg
Montaggio: Steven Kemper

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.