Tentativo di critica sociale e postmoderno, ma col risultato di avere un tedioso concentrato di noia.

In Italia la crisi economica è ormai il tema che, giustamente, si è reso protagonista nell’ultimo periodo. Il bombardamento mediatico, allargato anche al cinema, da fertile terreno sta divenendo un’inflazione su cui speculare e tesaurizzare il più possibile. Fino alla noia: All’ultima spiaggia.
Ester (Nicole Grimaudo), in crisi perché la sua ragazza (Paola Minaccioni) non sa scegliere tra lei e il suo ex (Dario Bandiera), quella di Paolo (Giuseppe Giacobazzi), guardia giurata che per un mutuo finisce per perdere il lavoro, tentando di rapinare la banca per cui lavora, quella di Antonio (Antonio Giuliani), che scopre che sua moglie Carmen (Aurora Cossio) era una pornostar, e infine Fabio (Ivano Marescotti), romagnolo che, dopo un infarto, viene ricoverato a Napoli.
Il pretesto per questo film a episodi è la creazione di un nuovo reality show, dal titolo “All’ultima spiaggia”, in cui i concorrenti devo essere dei disperati senza alcuna speranza. Il problema è che, con una sceneggiatura tanto povera, è il film a non avere alcuna speranza di buona riuscita, anche in un paese dove il cinepanettone spopola(va). C’è da dire che la tradizione italiana di film a episodi era ottima, basti pensare a Monicelli, ma che, e anche questo non va sottovalutato, negli ultimi anni si è decisamente persa per fare posto a prodotti scadenti, o quasi: la trilogia di Manuale d’amore, ad esempio, con i primi episodi decenti e l’ultimo che è il definitivo addio al De Niro attore. La pellicola di Ansanelli continua la tradizione negativa, toccando forse il fondo, con una sceneggiatura abominevole, costellata di luoghi comuni e di situazioni imbarazzanti, senza ritmo, lento all’inverosimile. Inoltre, e questa è la colpa maggiore, il regista tenta di effettuare virtuosismi con la macchina da presa, riuscendo solo a infastidire, invece che ammaliare, senza contare gli errori grossolani di raccordo tra le scene, con alcuni tagli quasi dilettantistici. Non bastasse questo, ci sono le citazioni, che in altri casi arricchiscono il film e omaggiano attori e autori, ma che, in questa situazione così bassa, appaiono offensive: Le Iene di Tarantino e il Batman con Adam West, con tanto di onomatopee e immagini fumettistiche, sembrano quantomeno azzardate. All’ultima spiaggia annovera nel cast moltissimi volti noti di Zelig, tra cui Sergio Sgrilli e Giovanni Cacioppo, eppure non si ride nemmeno una volta, non sarà il caso di farsi qualche domanda in merito? Ultima spiaggia? Questa è la deriva, oltre non c’è nulla. Quasi era meglio guardarsi una puntata del Grande Fratello, se di reality si parla.

Titolo: All’ultima spiaggia
Regista: Gianluca Ansanelli
Attori principali: Dario Bandiera, Aurora Cossio, Carmine Faraco, Giuseppe Giacobazzi, Antonio Giuliani, Nicole Grimaudo, Ivano Marescotti, Paola Minaccioni, Pablo&Pedro, Giovanni Cacioppo, Sergio Sgrilli.
Genere: commedia
Durata: 94min
Anno: 2012
Produttore: Fulvio e Federica Lucisano
Casa di produzione: Italian International Film
Distribuzione: Medusa Film
Fotografia: Alessandro Pesci
Musiche: Pivio e Aldo De Scalzi
Montaggio: Cecilia Zanuso

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.