Festival Cinema: Gli Argento a Roma

Festival Cinema: Gli Argento a Roma

Finalmente insieme. Sul Set, perché in famiglia, a quanto pare, s’erano gia’ incontrati. Stiamo parlando di una delle coppie più celebrate da pubblico e critica (cosa mai facile da coniugare, e spesso non condivisibile quando accade): lui, il padre, è Dario Argento (regista di pellicole indimentabili come Profondo Rosso e co-soggettista per C’era una Volta il West di Sergio Leone), lei, la figlia, è Asia Argento (eclettica attrice e regista cult presso la nostra meglio gioventù).

Insieme, come detto, per la prima sullo stesso set (almeno da quando la figlia ha raggiunto l’eta matura: ricordiamo l’apparizione in La Chiesa, La Sindrome di Stendhal, Trauma e il Fantasma dell’Opera). è accaduto al Festival di Roma, per “La Terza Madre”, l’ultimo episodio della Trilogia delle Madri (iniziata con Suspiria e proseguita con Inferno). ASIA ARGENTO”Siamo andati d’amore e d’accordo, ma una volta fuori tutto tornava come prima, era un film, mica una riunione di famiglia”.”Sul set guardavo che filtri sceglieva, chiedevo la lista delle inquadrature, non per calcolare quando me ne sarei andata a casa ma per capire come vedeva le cose. Lui è una scuola di cinema”,

  • Ulteriori informazioni su: Asia Argento.
  • DARIO ARGENTO”Non so come mi vengono in mente le storie. Diceva Heidegger che tutti abbiamo una macchia nera, alcuni sanno guardarla e dialogarci. La mia è molto spessa, devo ancora raccontare tante cose cattive dell’animo umano. è quando parlo con la mia ‘macchia’ che mi vengono in mente pensieri tremendi, allucinanti, disgustosi e dico ‘ma guarda che roba’ senza rendermi conto che sono io a pansare quelle cose”.”Quando ho girato Pelts, uno dei due episodi (l’altro era Jennifer) della serie di Master of Horror, in America, un critico donna mi ha detto ‘ma lei è ossessionato dalle sue fantasie analì. Io, veramente, non sapevo di avere delle fantasie anali, e così importanti… Sono solo un po’ schizofrenico, come se il Dario Argento regista fosse un’altra persona. Mi piacerebbe chiedergli perché tutti quegli animali nei suoi film, perché quei corridoi, quei tendaggi… Bho. Forse un giorno mi risponderà”.

  • Ulteriori Informazioni su: Dario Argento.
  • Gli Argento a Roma

    Lascia un commento