L'Ultimo Samurai

Recensione: L’Ultimo Samurai

Il Capitano Nathan Algren (Tom Cruise), eroe della Grande Guerra Civile, viene chiamato in Giappone contro i Samurai.

SCHEDA TECNICA

SCHEDA DVDIl Capitano Algren, nonostante la prova di fierezza e temperanza (Tom Cruise, il coraggioso) in battaglia, viene catturato dai Samurai ribelli. Durante il periodo di cattività, Nathan è costretto a vivere come uno di loro: il leader autoctono, infatti, ha intravisto in lui qualcosa di speciale (Tom Cruise, il nobile). All’uomo venuto per compiere l’astuzia della ragione (esportare la superiorità del modello occidentale in oriente) e con l’intenzione di civilizzare/sterminare la popolazione autoctona, quel mondo che gli era stato raccontato primitivo, appare – ora che può vederlo con i propri occhi – per quello che è realmente: superiore. Con questa nuova consapevolezza nel cuoe, Algren (Tom Cruise, l’impavido) decide di unire e legare il proprio destino a quello della società un tempo nemico (Tom Cruise, l’eroe) che – pur rappresentando uno stile di vita ormai al tramonto – non ha affatto deciso di arrendersi senza prima combattere fino alla fine. A questo punto nulla sembra poter sconguirare la guerra civilie: da una parte i Samurai guidati da Algren, dall’altro l’esercito regolare inviato dal divino l’imperatore plagiato dall’occidentalizzato consulente di turno. Il film è lacrimevole senza essere commovente, retoricamente gonfiato senza essere affatto eroico. La sceneggiatura dimostra tutta la propria pochezza non solo nello svolgimento complessivo, sempre scontato, ma soprattutto nei momenti clou delle battaglie, delle quali ricordiamo solamente la riuscita scena dell’harakiri. Il percorso interiore del protagonista viene messo completamente da parte rispetto alla pura e semplice – immotivata – esaltazione della sua figura nobile ed eroica, come nell’assurda conversione verso l’innamoramento della donna alla quale aveva ucciso il marito (Tom Cruise, l’irresistibile). Il delirio giunge al culmine quando l’imperatore, la cui autorità era stata completamente esautorata dal contesto (terminato il conflitto e compiuta di fatto la svolta verso “occidente” del paese del Sol Levante), di fronte al genocidio dei Samurai, alla morte del proprio saggio e inascoltato maestro, all’esercito decimato, decide – con uno scatto d’orgoglio di salvare salva la vita di … Tom Cruise (tra l’altro unico sopravvissuto allo sterminio dei Samurai). Penosamente esilarante.

Titolo originale: The Last Samurai
Regia: Edward Zwick
Soggetto: John Logan
Sceneggiatura: John Logan, Marshall Herskovitz, Edward Zwick
Fotografia: John Toll
Montaggio: Victor Du Bois, Steven Rosenblum
Musiche: Hans Zimmer
Scenografia: Lilly Kilvert, Gretchen Rau
Costumi: Ngila Dickson
Durata: 150 min
Genere: avventura, azione, drammatico, storico
Attori principali: Tom Cruise, Ken Watanabe, Shin Koyamada, Tony Goldwyn, Masato Harada, Shichinosuke Nakamura, Hiroyuki Sanada, Timothy Spall, Seizo *****umoto, Koyuki Kato, Billy Connolly, Shun Sugata, Togo Igawa.

Nota: di Daniele Rizzo
L’Ultimo Samurai

Ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi